Parla il primo “responsabile”: ecco il Razzi pensiero